Marostica: il castello c’è, manca l’anima.

Mi mancava la Scozia. Avevo bisogno di un castello, di pietre, di terra, di nuvole. Ho puntato su Marostica. Forse una scelta poco azzeccata, ma ho preso le macchine fotografiche e, senza pensarci troppo, sono salito in auto.

Ho parcheggiato appena fuori dalle mura, percorso qualche centinaio di metri fino alla chiesetta di Sant’Antonio e ho imboccato il cosiddetto “Sentiero dei Carmini”, (http://www.magicoveneto.it/bassano/marostica/CastelloSuperiore-2.htm) che dal centro della città porta immediatamente sotto le mura del Castello Superiore. Si tratta di un sentiero ben tenuto, breve ma piuttosto ripido, illuminato di sera, gradevole e panoramico. Qua e là, panchine per sedersi e godersi la vista; in cima, una fontanella con due cuori dipinti con vernice rossa.

Le pietre del sentiero si avvitano in curve dolci e suggestive. Dovunque, ulivi, cedri dell’Himalaya e un albero autoctono detto “bagolaro” (Celtis Australis L.). A circa metà del sentiero, si stacca una diramazione che porta alla sede della “Compagnia dee Mura”, che ancora oggi si prende cura di questo antico manufatto. Dopo circa una mezz’oretta di camminata tranquilla, ecco aprirsi il sentiero e spuntare le mura del Castello Superiore.

Ho camminato a lungo tra gli spalti, arrampicandomi su ripidi gradini in pietra fino alla sommità delle mura. Guardato a lungo la città sotto di me, il Castello Inferiore e la Piazza degli Scacchi. Ho cercato di immergermi nella magia del luogo, malgrado l’assenza di un cielo stellato sopra di me, ma era tutto troppo nuovo. Troppe antenne, troppi cavi, i pur benemeriti parafulmini, il ristorante nel cuore del complesso, le mura pur splendidamente restaurate ma che sembravano così nuove…

Ho scattato qualche foto, quasi di malavoglia e sono tornato giù, tra le primule e i narcisi, appena in tempo per evitare la pioggia che sarebbe caduta copiosa di lì a poco. La Scozia era lontana, e quelle mura erano fredde, senza vita, come un bacio a labbra chiuse dato al tuo primo amore che sai di aver perduto.

Ma prima o poi…

Annunci